Background Image
piolo piolo agenzia feltre logo top 2019

RESIDENCE MONTE VALDEROA

residence monte valderoa 01
L’intervento prevede la realizzazione di nr. 12 unità immobiliari, e nr. 10 garage chiusi, al piano
terra.L’edificio sarà articolato in quattro piani fuori terra, con ascensore. Il piano terzo/sottotetto è in proprietà di alcuni appartamenti del piano secondo (duplex).

- Classe energetica A
- Possibilità di usufruire delle agevolazioni fiscali bonus casa 2019

CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Noi crediamo all’Italia diversa!

Crediamo ai quei territori sparsi nelle zone marginali di Comuni, Province, Regioni che non sono nell’occhio dell’operatore immobiliare perché non sono Roma, Milano, Venezia, Bologna.
Non sono appetibili economicamente e quindi non si può fare business; non creano immagine imprenditoriale e sono incapaci di generare relazioni che contano.

Noi invece ci crediamo e amiamo il territorio di provincia e la sua storia abitata da uomini che con sacrificio si sono fatti la casa. Quattro muri grossi e solidi per vivere in sicurezza con la famiglia e quando si sposava un figlio o una figlia aggiungevano nuove stanze.
E’ un’Italia dimenticata cresciuta nelle periferie delle città e nelle campagne rovinate dalla industrializzazione.
Un’Italia dai meravigliosi centri storici con palazzi in degrado e con la storia che muore.

Noi saremmo degli sfacciati e degli immodesti, ma crediamo in questi patrimoni da mettere a posto. Crediamo nelle opportunità immobiliari che possono venire avanti e ci piacerebbe lavorarci sopra con sentimento e ridare vita a un territorio dimenticato.
A noi interessano gli immobili abbandonati, i capannoni dismessi, i complessi edilizi fermi e impossibilitati di essere finiti, le opere edilizie degradate e finite nel nulla.

Noi abbiamo professionalità per dare nuova vita a queste opere fatiscenti e renderle conosciute ad operatori illuminati in grado di valutarne la fattibilità.
Ci siamo organizzati per questo e tecnici preparati sono disponibili a metterci il naso con competenza.
Privati, imprese e, perché no, anche Amministrazioni interessati a mettere a posto le vostre proprietà contattateci e noi vi risponderemo con una analisi gratuita per analizzare un possibile intervento rigeneratore

PIOLO&Piolo

PIOLO&Piolo - Real Estate

PIOLO&Piolo - Real Estate
propone compendio immobiliare situato in comune di Belluno via Vittorio Veneto composto da una struttura a capannone con destinazione commerciale, industriale, artigianale completa di corpo uffici.

AREA COMMERCIALE
Belluno
Via Vittorio Veneto

  • UFFICI
  • AREA CARICO/SCARICO
  • ENTRATA E PARCHEGGI
  • STOCCAGGIO MERCI
 


assegnazione casa popolare agli eredi

Con una ordinanza che mette finalmente chiarezza al dubbio di numerosi fruitori di edilizia popolare i giudici supremi hanno spiegato, in caso di morte, chi subentra nell’assegnazione della casa popolare. Ecco la risposta.

Secondo la Cassazione, quando si parla di edilizia residenziale pubblica, l’unica possibilità di ottenere la locazione dal Comune è un provvedimento di assegnazione rispettando quindi i requisiti fissati nel provvedimento dell’ente locale. Con la conseguenza che, in caso di morte dell’assegnatario, si verifica la cessazione dell’assegnazione-locazione. A questo punto, inevitabilmente, l’alloggio torna nella disponibilità dell’ente e gli eredi del precedente assegnatario non possono più rivendicare alcun diritto. Non hanno, quindi, la possibilità di ereditare la casa popolare in cui hanno vissuto insieme al genitore.

Il Comune potrà procedere, nell’esercizio del suo potere discrezionale, ad una nuova assegnazione eventualmente a favore di soggetti conviventi o titolari di altro titolo preferenziale per come previsto dalla legge.

letto su laleggepertutti.it

Stampa Email

INVESTIRE NELL'IMMOBILIARE IN MODO RESPONSABILE

Le quattro vie dell’immobiliare per un futuro sostenibile

Secondo JLL, la sostenibilità economica, sociale e ambientale sarà uno dei principali trend a guidare il futuro del Real Estate. L'utilizzo del legno, la riqualificazione, la tecnologia e gli investimenti responsabili sono le quattro soluzioni individuate per affrontare la sfida del climate change
Gli investitori sono sempre più consapevoli dell’impatto sociale ed ambientale delle loro decisioni di investimento nonché dei ritorni generati. Conseguenza di questo è l’attenzione ad un mercato abitativo a prezzi sostenibili e alle energie rinnovabili. Nuovi parametri di misurazione delle prestazioni si aggiungeranno nei prossimi anni a quelli già in uso e riguarderanno l’innovazione (utilizzo di spazi innovativi, ritorno sugli investimenti in innovazione immobiliare), le risorse umane (salute e benessere dei dipendenti) e la tecnologia (digitalizzazione delle attività immobiliari).
Grazie alla crescente attenzione ai temi relativi alla sostenibilità economica, sociale e ambientale e ai livelli record di capitale allocabili al settore immobiliare, ci attendiamo una quota sempre più crescente di forme di investimento che possono avere un effetto sociale e ambientale positivo.

Newsletter Lignoalp








Comunicazione

Stampa Email

mutui tasso variabile- disposizioni per il 2020

Con l’arrivo del nuovo anno sono attese alcune novità sul fronte mutui. L’Euribor, l’indice a cui sono agganciati i mutui variabili, entrerà infatti in una fase di cambiamento che rivoluzionerà i tassi interbancari. Saranno milioni le famiglie italiane ed europee coinvolte anche se, come riportato da Business Online, le maggiori novità riguarderanno i mutui accesi nel corso dell’anno che inizierà domani.

Come cambierà l’Euribor?

Al momento il calcolo dell’indice è basato su informazioni private tra un panel di circa 20 banche europee, ma dal 2020 entrerà in vigore un criterio scientifico: saranno cioè gli scambi effettivi avvenuti fra le banche a determinare l’Euribor. In questo modo gli istituti di credito saranno obbligati a effettuare rilevazioni sulla base di operazioni effettivamente eseguite sul mercato, garantendo perciò un maggiore monitoraggio. L’esigenza di cambiamento, del resto, era nata proprio a causa di manipolazioni avvenute anni fa che avevano coinvolto alcune banche.

Una trasformazione graduale

D’ora in poi chi deciderà di accendere un mutuo a tasso variabile avrà garantita una maggiore trasparenza. Tuttavia, il timore degli esperti è che a questa si accompagni anche una più alta volatilità, legata al fatto che l’Euribor verrà calcolato in base alle operazioni avvenute sul mercato che potrebbero causare sbalzi improvvisi. Si tratta, però, di un cambiamento che avverrà in modo graduale (circa due anni) e che coinvolgerà solo in minima parte le famiglie che hanno un mutuo già in essere. Dal 2022 in poi tutti i nuovi mutui verranno indicizzati secondo il nuovo calcolo.

di Laura Fabbro

articolo letto su Immobiliare.it

Stampa Email

NO alla cedolare secca negozi 2020

Nonostante le speranze dei proprietari di locali commerciali, la tanto auspicata proroga della cedolare secca non è stata inserita nel testo definitivo della nuova Legge di Bilancio.

Nel 2019 il regime fiscale agevolato con aliquota del 21% era stato esteso anche agli immobili commerciali accatastati come C/1 (negozi e botteghe) con metratura non superiore ai 600 mq. Dal 1° gennaio, invece, la tassazione sostitutiva è tornata a essere applicabile esclusivamente agli affitti di abitazioni.

Le speranze dei proprietari

I proprietari di immobili commerciali avevano accolto molto favorevolmente questo sistema di tassazione ridotto, che non solo sostituisce le aliquote Irpef ordinarie e più severe ma anche le addizionali, l’imposta di registro e quella di bollo. La stessa Confedilizia ha ribadito più volte la necessità di equiparare le regole previste per le locazioni a uso abitativo a quelle per le locazioni commerciali, anche nell’ottica di contrastare il fenomeno del nero.

Salvi i contratti stipulati nel 2019

Nonostante tali richieste, il mancato inserimento della proroga ha fatto sì che dal 1° gennaio i nuovi contratti non possano più beneficiarne. Il regolamento non è però retroattivo: questo significa che i contratti di locazione firmati entro il 31 dicembre sono salvi, a prescindere dall’avvio effettivo dell’affitto. Ma attenzione: affinché la procedura risulti valida è indispensabile registrare il contratto entro 30 giorni e rispettare tutti i vincoli previsti dalla legge.

di Laura Fabbro

Articolo letto su Immobiliare.it

Stampa Email

  • 1
  • 2