Background Image
piolo piolo agenzia feltre logo top 2019

RESIDENCE MONTE VALDEROA

residence monte valderoa 01
L’intervento prevede la realizzazione di nr. 12 unità immobiliari, e nr. 10 garage chiusi, al piano
terra.L’edificio sarà articolato in quattro piani fuori terra, con ascensore. Il piano terzo/sottotetto è in proprietà di alcuni appartamenti del piano secondo (duplex).

- Classe energetica A
- Possibilità di usufruire delle agevolazioni fiscali bonus casa 2019

CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Noi crediamo all’Italia diversa!

Crediamo ai quei territori sparsi nelle zone marginali di Comuni, Province, Regioni che non sono nell’occhio dell’operatore immobiliare perché non sono Roma, Milano, Venezia, Bologna.
Non sono appetibili economicamente e quindi non si può fare business; non creano immagine imprenditoriale e sono incapaci di generare relazioni che contano.

Noi invece ci crediamo e amiamo il territorio di provincia e la sua storia abitata da uomini che con sacrificio si sono fatti la casa. Quattro muri grossi e solidi per vivere in sicurezza con la famiglia e quando si sposava un figlio o una figlia aggiungevano nuove stanze.
E’ un’Italia dimenticata cresciuta nelle periferie delle città e nelle campagne rovinate dalla industrializzazione.
Un’Italia dai meravigliosi centri storici con palazzi in degrado e con la storia che muore.

Noi saremmo degli sfacciati e degli immodesti, ma crediamo in questi patrimoni da mettere a posto. Crediamo nelle opportunità immobiliari che possono venire avanti e ci piacerebbe lavorarci sopra con sentimento e ridare vita a un territorio dimenticato.
A noi interessano gli immobili abbandonati, i capannoni dismessi, i complessi edilizi fermi e impossibilitati di essere finiti, le opere edilizie degradate e finite nel nulla.

Noi abbiamo professionalità per dare nuova vita a queste opere fatiscenti e renderle conosciute ad operatori illuminati in grado di valutarne la fattibilità.
Ci siamo organizzati per questo e tecnici preparati sono disponibili a metterci il naso con competenza.
Privati, imprese e, perché no, anche Amministrazioni interessati a mettere a posto le vostre proprietà contattateci e noi vi risponderemo con una analisi gratuita per analizzare un possibile intervento rigeneratore

PIOLO&Piolo

PIOLO&Piolo - Real Estate

PIOLO&Piolo - Real Estate
propone compendio immobiliare situato in comune di Belluno via Vittorio Veneto composto da una struttura a capannone con destinazione commerciale, industriale, artigianale completa di corpo uffici.

AREA COMMERCIALE
Belluno
Via Vittorio Veneto

  • UFFICI
  • AREA CARICO/SCARICO
  • ENTRATA E PARCHEGGI
  • STOCCAGGIO MERCI
 


CHIUSURE DOMENICALI

Dodici chiusure obbligatorie all’anno tra domeniche e festività comandate, religiose o civili. Questa è anche la posizione Assofranchising che sostiene la mediazione proposta da ConfcommercioConfesercentiFederdistribuzione e dalle Cooperative Bianche, associazioni che raggruppano e rappresentano nel complesso oltre 1 milione di imprese fra aziende e punti di vendita e danno lavoro a 4 milioni di persone.

Più prudente Massimo Moretti, presidente Cncc (Consiglio nazionale dei centri commerciali) che, pur non discostandosi del tutto dalla possibilità di una mediazione sulla soglia numerica delle 12 chiusure, ritiene comunque un danno economico sacrificare anche poche domeniche sull'altare della regolamentazione.

In posizione molto conflittuale, per non dire irriducibile, restano per ora Confimprese e Ancd-Conad, che non ritengono possibile né accettabile alcun tipo di trattativa che non coincida con l'autodeterminazione imprenditoriale sancita dalla deregulation.

Ricordiamo che la mediazione 12 (8+4, cioè 8 festivi chiusi e 4 domeniche da decidere previo accordo tra Regioni, associazioni di categoria e sindacati) è rimasta, delle 4 opzioni sul tavolo, quella più ragionevolmente adottabile in alternativa allo status vigente. E non c'è bisogno di un genio per capire che la mediazione 12 è di gran lunga preferibile alle altre 3 opzioni: 26 chiusure annuali su 52 domeniche, o negozi chiusi dalle 22 alle 7 del mattino (ma tutti i giorni).

Tutti d'accordo sul fatto che prevedere una distinzione su basi dimensionali o di categoria tra chi può aprire e chi deve chiudere, appare un tantino discriminatorio: i limiti alle aperture domenicali varrebbero solo per supermercati e centri commerciali. I negozi fino a 150 mq nei comuni fino a 10.000 abitanti, e i punti di vendita sotto i 250 mq nei centri con oltre 10.000 abitanti fuoriescono dall'obbligo di chiusura. Così come i negozi dei comuni turistici.

La cosa davvero preoccupante sono le sanzioni amministrative che, dalle 2.000 euro previste dalla normativa precedente alla liberalizzazione, potrebbero salite a una forchetta compresa tra 10.000 e 60.000 euro.

Oltre a questo, Assofranchising chiede e auspica che vengano analizzate altre questioni fondamentali per il buon andamento del commercio al dettaglio: una regolamentazione della web tax, politiche per la rivitalizzazione dei centri urbani e nessuna clausola di salvaguardia o aumento dell’Iva.

"Non è abbassando le saracinesche che si tutelano i lavoratori e si favorisce la ripresa del commercio –commenta Italo Bussoli, Presidente di Assofranchising–. Considerando i numeri che queste associazioni complessivamente generano, l’impatto sul sistema economico-occupazionale sarebbe enorme. Gli esercizi commerciali offrono per loro stessa natura un servizio al consumatore, e si auspica che esso sia libero di scegliere le modalità per poter fruire di questo servizio, proprio per i principi che regolano la libertà di impresa. La stabilità dell’Iva e una regolamentazione dei servizi di eCommerce in materia di fiscalità, porterebbero certamente a un sano sistema di concorrenza in cui lo shopping online non si sostituirebbe più al negozio fisico, ma anzi ne diventerebbe un valido alleato. Diversamente, un aumento delle imposte e poca legislatura attorno alla tassazione dei colossi del web, creerebbe senza dubbio un’ulteriore flessione dei consumi che stanno lentamente riprendendo".

Assofranchising rappresenta dal 1971 le insegne che operano in Italia con la formula del franchising, un settore del commercio al dettaglio che dà lavoro a 200.000 addetti e produce un giro di affari di oltre 24 miliardi di euro.

Letto su MARK UP



Stampa Email