Background Image
piolo piolo agenzia feltre logo top 2019

RESIDENCE MONTE VALDEROA

residence monte valderoa 01
L’intervento prevede la realizzazione di nr. 12 unità immobiliari, e nr. 10 garage chiusi, al piano
terra.L’edificio sarà articolato in quattro piani fuori terra, con ascensore. Il piano terzo/sottotetto è in proprietà di alcuni appartamenti del piano secondo (duplex).

- Classe energetica A
- Possibilità di usufruire delle agevolazioni fiscali bonus casa 2019

CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Noi crediamo all’Italia diversa!

Crediamo ai quei territori sparsi nelle zone marginali di Comuni, Province, Regioni che non sono nell’occhio dell’operatore immobiliare perché non sono Roma, Milano, Venezia, Bologna.
Non sono appetibili economicamente e quindi non si può fare business; non creano immagine imprenditoriale e sono incapaci di generare relazioni che contano.

Noi invece ci crediamo e amiamo il territorio di provincia e la sua storia abitata da uomini che con sacrificio si sono fatti la casa. Quattro muri grossi e solidi per vivere in sicurezza con la famiglia e quando si sposava un figlio o una figlia aggiungevano nuove stanze.
E’ un’Italia dimenticata cresciuta nelle periferie delle città e nelle campagne rovinate dalla industrializzazione.
Un’Italia dai meravigliosi centri storici con palazzi in degrado e con la storia che muore.

Noi saremmo degli sfacciati e degli immodesti, ma crediamo in questi patrimoni da mettere a posto. Crediamo nelle opportunità immobiliari che possono venire avanti e ci piacerebbe lavorarci sopra con sentimento e ridare vita a un territorio dimenticato.
A noi interessano gli immobili abbandonati, i capannoni dismessi, i complessi edilizi fermi e impossibilitati di essere finiti, le opere edilizie degradate e finite nel nulla.

Noi abbiamo professionalità per dare nuova vita a queste opere fatiscenti e renderle conosciute ad operatori illuminati in grado di valutarne la fattibilità.
Ci siamo organizzati per questo e tecnici preparati sono disponibili a metterci il naso con competenza.
Privati, imprese e, perché no, anche Amministrazioni interessati a mettere a posto le vostre proprietà contattateci e noi vi risponderemo con una analisi gratuita per analizzare un possibile intervento rigeneratore

PIOLO&Piolo

PIOLO&Piolo - Real Estate

PIOLO&Piolo - Real Estate
propone compendio immobiliare situato in comune di Belluno via Vittorio Veneto composto da una struttura a capannone con destinazione commerciale, industriale, artigianale completa di corpo uffici.

AREA COMMERCIALE
Belluno
Via Vittorio Veneto

  • UFFICI
  • AREA CARICO/SCARICO
  • ENTRATA E PARCHEGGI
  • STOCCAGGIO MERCI
 


PROROGA SFRATTI

Buone notizie: non c’è la proroga degli sfratti  È anche così che si stimolano gli investimenti nel settore delle locazioni urbane

Chi poteva credere al mancato rinnovo dell’ennesima “ultima” proroga degli sfratti? La sorpresa è stata generale. Se la decisione verrà mantenuta, nonostante le forti reazioni subito manifestatesi, sarà una svolta storica, di rilievo ben superiore ai valori economici in gioco. Perché la politica dei fitti, più di ogni altro segmento di vita collettiva, ha assunto nella storia della Repubblica le stigmate dell’inaffidabilità delle leggi, provocando nel corso degli anni costi sociali altissimi. E, sempre con il lodevole intento di aiutare i deboli, confermando il detto che le strade dell’inferno sono lastricate di buone intenzioni. Per dimostrare tale tesi, occorre riandare alla complessiva politica della casa attuata in Italia nel dopoguerra.

All’inizio, l’azione italiana seguì una tendenza analoga a quella degli altri Paesi europei usciti dalle rovine del conflitto mondiale: un incisivo piano di edilizia pubblica e significative agevolazioni all’edilizia privata, con un blocco dei fitti reso di fatto transitorio dalla sua scomparsa al cambio di inquilino (si parlava di “sblocco strisciante”). Poi, per vicende che è qui impossibile richiamare, la rapida caduta dell’edilizia pubblica, la svendita di buona parte del patrimonio residenziale pubblico agli inquilini esistenti, la conferma del blocco dei fitti anche con il nuovo inquilino. Era l’opposto della politica europea, che manteneva il blocco solo su segmenti residuali del patrimonio residenziale nelle maggiori città e rafforzava l’offerta di alloggi pubblici per le fasce sociali deboli escluse dal libero mercato. L’inasprimento del blocco stimolò l’edilizia privata, dato che i nuovi alloggi godevano del fitto libero, ma il beneficio fu soverchiato dal costo sociale di un rapido degrado dei centri storici che si riaprirono alla valorizzazione con quasi vent’anni di ritardo rispetto al resto d’Europa (suffragando la tesi di Hayek, secondo cui “il blocco è il mezzo più efficace, dopo il bombardamento, per distruggere le città”). Poi, con la legge del 1978 sull’equo canone, arrivò la “soluzione perfetta” del fitto regolamentato, che perfetta proprio non era, ma avrebbe potuto funzionare se fosse stata rispettata la scadenza di fine contratto. Di fatto così non fu; e la locazione apparve presto agli occhi dei proprietari un esproprio non dichiarato, da evitare anche a costo di un lungo periodo di sfitto in attesa della vendita. Fu un colpo alla fiducia nella legge e una ferita nel rapporto tra cittadino e lo Stato. Soprattutto fu una feroce compressione del mercato delle locazioni, con il conseguente sviluppo del fenomeno dei “forzati all’acquisto”, secondo le parole del ministro Andreatta, ossia le giovani coppie costrette subito a comprare casa indebitandosi al limite del possibile. Da qui la percentuale di proprietari della residenza molto più elevata in Italia rispetto anche a paesi a maggiore reddito pro capite. È un fattore di stabilità sociale e un formidabile ammortizzatore in tempi di crisi, ma è pure il segno di un’anomalia che nasconde forti drammi sociali e squilibri economici, come la permanenza prolungata dei giovani nelle famiglie di origine e il rinvio delle nuove unioni, l’impossibilità di adeguare gradualmente lo spazio abitativo alle esigenze di una famiglia in crescita – e quindi l’ostacolo a tale crescita -, la deviazione verso le seconde case di una quota troppo rilevante di investimenti immobiliari. In concreto, il fenomeno degli sfratti prorogati è andato attenuandosi nel tempo, attraverso la progressiva restrizione delle condizioni per la proroga; e si è accompagnato con qualche sollievo reddituale per il locatore. La proroga vigente fino a fine 2014 prevedeva infatti inquilini in situazione di disagio (famiglia con reddito lordo non superiore a 27mila euro, con presenza di figli a carico o di anziani o di portatori di handicap o di malati terminali) e concedeva al proprietario un aumento non tassato del 20 per cento del canone. Quanti siano i casi in questione, è controverso: i 30mila sbandierati dal sindacato inquilini si alzano a 50mila nelle stime di alcuni assessori comunali e cadono a circa duemila nei numeri del ministro Lupi, il quale può pertanto affermare che il problema trova risposta adeguata nello specifico fondo governativo di 2,6 miliardi di euro messo a disposizione di Regioni e comuni. Verrebbe da commentare che, in questo settore, l’inaffidabilità delle leggi si è estesa alla statistica. Probabilmente ci sono anche equivoci lessicali tra gli sfratti in itinere considerati dal sindacato e quelli ricadenti a buon diritto nella proroga di legge valutati dal governo. Se si resta, come è doveroso, nell’ambito delle previsioni normative, senza allargare la stima ai ritardi esecutivi, il dato ministeriale sembra quello meno lontano dalla verità. Quanto meno è da ritenere che un eventuale sforamento del fabbisogno rispetto al fondo stanziato sia modesto e sia quindi addossabile alla finanza pubblica, pur nella critica situazione attuale di bilancio, ponendo fine a una prolungata ingiustizia a danno dei proprietari e ripristinando la fiducia nella legge.

Fonte: Q.I. Agency

Stampa Email