Background Image

SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE

Più della metà della popolazione mondiale vive già nelle città, mentre altri due miliardi e mezzo di persone si trasferiranno nelle aree urbane entro il 2050. Le modalità di costruzione e rinnovamento degli ambienti cittadini sono al centro dei grandi temi contemporanei, dal cambiamento climatico al benessere economico e sociale degli abitanti.

Peter Calthorpe, urbanista statunitense, pioniere nel campo dell’urbanizzazione sostenibile delle periferie, ha una visione delle città del futuro in cui l’essere umano e le interazioni sociali devono tornare al centro delle scelte di governance.

Gli ambienti urbani raddoppieranno nei prossimi anni, ma se lo sviluppo non viene programmato ed eseguito nel modo giusto, non potrà essere garantito il benessere di tutti i cittadini. Molto dipende dalle scelte operate in fase di progettazione e costruzione, non solo per quello che riguarda l’impatto ambientale, ma anche il benessere sociale, la vitalità economica, il senso di comunità e interconnessione tra le persone.

La ricetta per uno sviluppo urbano smart

Sono sette i principi che Calthorpe individua per frenare lo sviluppo urbano indiscriminato, in favore di un approccio smart che metta al centro delle politiche di governance le persone.

1-preservare: l’ambiente naturale, la storia, il contesto produttivo

2-mescolare: destinazione immobiliare, età, caratteristiche dei quartieri

3-camminare: una città non è bella se non è piacevole visitarla a piedi, sia in ottica turisticha che abitativa

4-mezzi di trasporto ecologico, come la biciletta. La Cina ad esempio ha recuperato la propria tradizione, adottando bike sharing in ogni strada nelle principali città

5-connessione: aumentare la sensità di strade, per aumentare le alternative di percorsi per evitare ingorghi e creano strade di tipi differenti

6-traporto pubblico, per diminuire la densità dei veicoli in giro

7-ottimizzare in modo smart lo sviluppo urbano in base alla sua capacità di offrire servizi ai cittadini in proporzione alla densità dell’area

Una ricetta ormai al centro del dibattito internazionale. Sia i semplici abitanti delle città che chi si occupa concretamente della governance urbana persegue ormai questi principi per rapportarsi al contesto delle città, creando un dibattito pubblico e coinvolgendo gli operatori del settore immobiliare, gli artefici dei nuovi progetti per la città del futuro.

Letto su monitorimmobiliare.it

Stampa Email